0

Unibo: l’applicazione Tbus ora cerca anche biblioteche

L’università di Bologna ha messo a disposizione degli studenti un servizio che localizza biblioteche in collaborazione con Tbus

La famosa applicazione per cellulari che indica gli orari degli autobus e i punti delle fermate, meglio conosciuta con il nome di Tbus, da Febbraio 2017, in collaborazione con l’Alma Mater Studiorum, permette di localizzare le varie biblioteche universitarie presenti a Bologna, fornendo le indicazioni necessarie su come raggiungerle nel più breve tempo possibile.

Grazie ad un aggiornamento dell’applicazione che include un collegamento al GPS dello smartphone, molti studenti saranno in grado di organizzarsi con comodità per raggiungere il luogo di studio ideale, la biblioteca.

I vantaggi dell’applicazione sono diventati numerosi: lo studente può consultare  velocemente gli orari degli autobus per raggiungere la zona universitaria, è previsto un supporto agli studenti diversamente abili che ottengono le indicazioni riguardanti le biblioteche tramite una voce registrata, ed infine fornisce informazioni a tutti i componenti dell’Alma Mater e ai cittadini sugli eventi culturali che si svolgeranno nelle strutture universitarie.
Per poter usufruire del servizio proposto da Tbus, dopo aver scaricato l’applicazione, bisogna accedere alla barra in alto a sinistra (riconoscibile dalle tipiche tre barre bianche parallele), dove l’utente troverà una serie di voci inerenti i servizi offerti, tra le quali la voce “Biblioteche”. Selezionando la finestra interessata, si aprirà una lista delle biblioteche più vicine all’utente; sono inoltre riportati tutti i dati inerenti le strutture come il numero telefonico, l’indirizzo di posta elettronica, l’orario di apertura e il sito web.

È inoltre disponibile, sull’ultima riga dell’elenco, un’ulteriore finestra di colore rosso riguardante l’accessibilità della struttura, dalla presenza di rampe per disabili fino alla precisa collocazione della biblioteca. Cercando ad esempio la biblioteca di Via Zamboni 38 e cliccando sulla voce “Accessibilità”, verrà chiarificato che si trova al secondo piano dell’edificio e che sono presenti diverse modalità per raggiungerla. Tutto ciò è stato reso possibile dalla collaborazione tra l’ufficio del Servizio Studenti con Disabilità e DSA dell’università di Bologna, l’applicazione Tbus e il Catalogo ACNP.

L’app si rivela comoda per chiunque, in particolare per lo studente che vive oltre le mura al di fuori della città, o per coloro i quali non conoscono ancora a pieno la città e la zona universitaria.

Romboweb Bologna – Davide Pasqualone

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.