0

Chieti, pista ciclabile allo scalo e riqualificazione dell’ex pescheria del centro storico: il via alla gara d’appalto. Tutti i dettagli

Pista ciclopedonale e l’ex Pescheria del centro storico: pronta la gara d’appalto per la realizzazione dei due progetti

Pista ciclabile - Ex Pescheria

Il 28 gennaio 2021 il comune di Chieti informa che sono pronti due progetti – la pista ciclabile e la ex Pescheria – per la gara d’appalto.  La realizzazione di queste due opere sarà finanziata con i fondi POR FESR ABRUZZO 2014/2020 Asse VII – Sviluppo Urbano Sostenibile – Azione 6.7.1 che hanno come tetto massimo la somma di 579,575 euro. La pista ciclopedonale di Chieti Scalo è una questione di grande importanza soprattutto per gli studenti universitari, infatti il Comune è pronto per recapitare le lettere di invito alle 15 ditte sorteggiate a seguito della loro manifestazione di interesse. 

 Come reso noto, la pista ciclopedonale si distribuirà per una lunghezza di 4 chilometri toccando le principali attività, scuole ed attrazioni presenti da via Amiterno al Campus universitario d’Annunzio. Le sezioni del progetto toccano via Amiterno, appunto, via Casalbordino, via Sulmona, via Caduti sul lavoro, via Vicenzo Bellini e via Pescara. Il percorso descritto tocca, pertanto, lo Stadio comunale, Le Poste Italiane, Lo Stadio del Nuoto, il Bocciodromo, il Campo sportivo, la palestra CUS e del Campus Universitario e le molteplici scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo grado. L’assessore ai Lavori Pubblici Raffaele Di Felice si è espresso così riguardo i particolari della pista: «Sarà realizzata, dove possibile, a doppio senso di marcia in asfalto colorato rosso con segnaletica orizzontale, altrimenti a senso unico di larghezza in asfalto colorato rosso con segnaletica orizzontale bianca e gialla con sopra installati occhi di gatto riflettenti, in modo da separare ed evidenziare le carreggiate presenti. In alcuni tratti la pista sarà ricavata da un lato della carreggiata stradale, garantendo il doppio senso di marcia, e in altri brevi tratti su ampi marciapiedi. Parallelamente alla pista ciclabile con sede propria sarà assegnato anche il percorso runner con segnaletica orizzontale e verticale ai fini della sicurezza. Lungo il percorso saranno predisposte diverse rastrelliere porta bici per la sosta delle biciclette – conclude l’assessore – e al fine di garantire la sicurezza dei fruitori sarà potenziata su alcuni tratti anche la rete di pubblica illuminazione. La viabilità attuale subirà piccole variazioni con la soppressione di doppi sensi di circolazione in alcuni tratti di strada in cui non è possibile garantire la sicurezza stradale».

In questo senso il 13 febbraio 2021 il Comune ha annunciato una novità: Il Comune di Chieti partecipa a un innovativo progetto pilota di mobilità integrata che nasce dalla sinergia fra l’Amministrazione comunale ed ESA ENERGIE, società italiana che provvederà a installare 3 ciclo-stazioni automatizzate a ricarica induttiva che incentiveranno l’uso dei parcheggi contribuendo a decongestionare il centro urbano. L’assessore alla Mobilità e Trasporto pubblico Stefano Rispoli sostiene che per la nostra città – il progetto – è un grande passo avanti verso la sostenibilità e una mobilità all’avanguardia, e continua dicendo «L’Amministrazione sta lavorando su sosta e parcheggi per rendere la città più accessibile, ma integrare i vettori degli spostamenti è l’orizzonte a cui puntare. Andare in bici si può e si deve sia nella parte alta che in quella bassa della città, dove peraltro sta per partire il cantiere di un sistema di piste ciclopedonali che collegherà tutti i centri di aggregazione più importanti della zona di Chieti Scalo. Abbinare la sosta delle auto al bus e al noleggio della bicicletta è un modo intelligente di promuovere l’utilizzo di entrambi questi ultimi due mezzi per gli spostamenti. Grazie a questo progetto, tale fine diventa più semplice e subito realtà».

Biciclette, monopattini, mobility scooter station based con app dedicata sono i mezzi che verranno messi completamente a disposizione della cittadinanza, il tutto reso possibile dal progetto Park & Move realizzato da Asja Ambiente Italia, Skidata ed Emoby, al quale ESA partecipa per sviluppare interventi di micro-mobilità integrata che soddisfano ogni domanda di accessibilità dell’utenza. Walter Serpellini, Amministratore del Gruppo ESA, conclude le sue dichiarazioni riportate dal comunicato stampa del Comune così «Ringraziamo il Sindaco e tutto il consiglio comunale per la fiducia che ci è stata riservata. Ci auguriamo che questo progetto rappresenti solo l’inizio di un percorso verso una trasformazione della città. Approfitto anche per ringraziare i miei collaboratori, grazie a loro riusciamo a realizzare tanti progetti innovativi e a coltivare obiettivi che vanno oltre i risultati economici, ma che sposano valori come l’innovazione e la condivisione».

Redazione Romboweb – Marzia Cotugno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.