0

Ud’A: richiesta di sgombero per lo spazio Emeroteca

Condividi

La scorsa settimana, una lettera dell’Amministrazione ha dichiarato la richiesta di sgombero per lo spazio Emeroteca, ecco la reazione dei rappresentanti di 360 Gradi e degli studenti

E’ arrivata il 5 novembre la lettera che dichiara la richiesta di sgombero, entro una settimana, per lo spazio Emeroteca, uno spazio di aggregazione gestito dall’Associazione 360 Gradi all’interno della palazzina di lettere dell’Università di Chieti.

L’Emeroteca non è soltanto uno spazio tra i tanti, ma è la sede dei rappresentanti degli studenti e dell’Associazione! Inoltre,  all’interno si svolgono riunioni e confronti su varie tematiche, permettendo a tutti gli studenti di aggregarsi e socializzare, oltre che studiare.

Foto dello spazio Emeroteca (Palazzina di Lettere, Università degli studi G. d’Annunzio di Chieti)

L’amarezza aumenta soprattutto perché l’Amministrazione non ha richiesto alcun confronto con l’Associazione 360 Gradi prima di comunicare lo sgombero del loro spazio. Dopo quasi due anni di fermo, ricominciare a vivere l’università sembrava un sogno, per questo motivo la delusione per lo sfratto è tanta, come ci racconta Carmela Santulli, presidente dell’Associazione: “Dopo che 360 Gradi ha iniziato a riattivarsi anche in presenza sulle problematiche degli studenti, a lavorare in sede per riportarle e rappresentarle, l’Amministrazione ha come primo cruccio lo sfrattarci da uno spazio che è storicamente legato alla nostra Associazione.


Foto dello spazio Emeroteca (Palazzina di Lettere, Università degli studi G. d’Annunzio di Chieti)

Dopo la notizia del 5 novembre, moltissimi studenti si sono sentiti messi da parte: “Da quando l’università è solo un esaminificio? […] Ci stiamo battendo affinché il Direttore Generale rettifichi la posizione assunta e lasci lo spazio alla sua naturale vita ed anzi, lo invitiamo a venire a trovarci per vedere con i propri occhi il valore aggiunto che questo spazio da all’Università”.

Redazione Romboweb – Irene Ciafardone


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *