3

Ud’A: Il caso del “Prof. assente” si ingigantisce e gli studenti denunciano altri aspetti

Condividi

Comunicato stampa dei 29 studenti che decidono di restare nell’anonimato: “vogliamo un’università trasparente”

Esplode il caso: Il professore non si è mai presentato a lezione per 4 anni

Università d’Annunzio: 29 studenti di Scienze Motorie inviano una lettera al Rettore Sergio Caputi in cui rendono che il docente ha disertato le lezioni per 4 anni accademici. Il Rettore avvia le indagini e le procedure per un provvedimento disciplinare. L’avvocato di difesa chiede i nomi degli studenti ma l’università tutela la riservatezza esplicitamente richiesta in calce alla e-mail. Gli studenti: “temiamo il prosieguo dei nostri studi” e il caso diventa nazionale. 

I 29 studenti scrivono un comunicato in maniera anonima: ci sono altri disservizi

Scrivono un comunicato stampa in cui non rivelano la propria identità per giusti motivi gli studenti che hanno denunciato il proprio docente di assenteismo cronico. Rincarano così la dose evitando di pubblicare in alcun modo la prima lettera inviata al Rettore Sergio Caputi. L’obiettivo è quello di ottenere finalmente “trasparenza” nella propria università e nel proprio corso di laurea, “Non intendiamo in alcun modo essere strumentalizzati ma vogliamo far emergere la voce degli studenti”, infatti gli studenti hanno comunicato delle irregolarità nei propri tirocini e prove d’esame oltre alle mancanze professionali del presidente di Corso.

Massima riservatezza: ma deve emergere la trasparenza in università. I vertici devono sapere

Gli studenti chiedono la massima riservatezza perché temono il prosieguo dei propri studi e della propria carriera, infatti il professore tacciato per essere assenteista non è di certo l’ultimo arrivato in università.
Raoul Saggini: 66 anni, professore ordinario di Scienze motorie, titolare del corso di Medicina fisica e Riabilitazione, direttore della scuola di specializzazione e presidente del corso di laurea in Fisioterapia, direttore di Master e con oltre duecento pubblicazioni.

L’obiettivo sembrerebbe quello di far emergere numerosi aspetti presenti nella gestione del corso di laurea dopo che nel tempo hanno trovato un atteggiamento difensivo da parte di chi avrebbe dovuto dare ascolto e soprattutto importanza alle segnalazioni che, dopo l’ultimo comunicato stampa, annoverano una vera e propria battaglia di più ampio respiro: migliorare la qualità della didattica e dare finalmente voce alle criticità presenti in università.

Jacopo Bassetta

Romboweb Giornale studentesco universitario 

ULTIMI ARTICOLI


Condividi

3 Comments

  1. Ma che 4 anni? Sono almeno 8 gli anni in cui non fa una lezione e manda assistenti! Lo stesso ha fatto la moglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *