0

Ud’A, didattica: nuove disposizioni in arrivo dopo il passaggio a zona arancione

Condividi

Il Senato Accademico di martedì 10 novembre ha deliberato le nuove disposizioni per quanto riguarda la didattica universitaria. I dettagli

didattica

Da mercoledì 11 novembre, l’Abruzzo è  collocata in zona arancione e l’Università G. D’Annunzio ha accordato nuove disposizioni per la didattica. Le disposizioni sono state deliberate nella seduta di martedì 10 novembre  dal Senato accademico.

Per tutta la durata del primo semestre (salvo nuove disposizioni) le lezioni si terranno esclusivamente a distanza come anche gli esami scritti, per quanto riguarda gli esami orali sarà il singolo studente a scegliere la modalità preferita (come per la sessione di settembre).
I docenti avranno facoltà di registrare le proprie lezioni (in modalità audio/video ovvero solo audio), in modo da consentire allo studente – che per qualsivoglia motivo sia impossibilitato ad assistere in diretta – di poterne fruire in altro momento, e comunque entro i due giorni successivi al loro svolgimento.
In queste ultime settimane sono state tante le voci e le supposizioni per quel che riguarda i tirocini. Da oggi, se i tirocini sono abilitanti all’esercizio della professione rimarranno in presenza. I tirocini non abilitanti saranno svolti concordando le modalità con il proprio docente e stessa procedura sarà applicata per il tutorato (concordando con il tutor di riferimento).
Per quanto riguarda i tirocini presso enti esterni convenzionati, l’ateneo riconoscerà sia i tirocini in presenza sia quelli per via telematica. Da concordare con il proprio docente anche le modalità di svolgimento dei laboratori.
Il ricevimento sarà possibile svolgerlo in presenza concordando la prenotazione con il docente di riferimento. Anche le segreterie continueranno in modalità telematica salvo particolari esigenze da accordare con un eventuale appuntamento.

Per quanto riguarda le sessioni di laurea (comprese le sedute di proclamazione), saranno svolte in entrambe le modalità e sarà il singolo studente a scegliere quale procedura adottare ricordando di comunicare la scelta 15 giorni prima attraverso una mail alla segreteria e al proprio relatore. Con la proclamazione in presenza, il numero di invitati che potranno assistere per ogni studente è ridotto a 3. Tutte le attività che riguardano la preparazione di tesi sperimentali potranno essere svolte in presenza con autorizzazione concordata con il proprio relatore e con il Cdl di riferimento (escluse le attività di tesi sperimentali presso strutture ospedaliere).

Gli spazi (biblioteche, sale letture, ecc…) rimarranno accessibili soltanto con prenotazione e con un numero ridotto dei posti in modo da grarantire il distanziamento necessario. Il prestito dei libri sarà concesso esclusivamente agli studenti che stanno affrontando la stesura della tesi di tipo sperimentale.
Nel caso delle 150 ore, le attività saranno svolte per via telematica, salvo quelle per cui è necessaria la presenza.

Redazione Romboweb – Irene Ciafardone


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *