1

Oltre 6 mila studenti non hanno richiesto ISEE: previste riscossioni per circa 8 milioni di euro

Condividi

Anche quest’anno molti studenti non hanno consegnato l’ISEE entro la scadenza prevista: l’ateneo pronto a raccogliere milioni di euro

Anche quest’anno la d’Annunzio ha autorizzato la rateizzazione del pagamento della seconda e terza retta universitaria. La misura attuata è rivolta verso gli studenti che non hanno richiesto l’attestazione ISEE entro il termine previsto (31/12/2018) e che quindi si ritrovano assegnati nella fascia massima di contribuzione prevista.

Questa volta però, il numero di studenti che non hanno presentato l’ISEE del proprio nucleo familiare è in forte aumento rispetto lo scorso anno accademico.
Ovviamente, maggiore è il numero di studenti nella fascia contributiva più alta (con cifre che toccano i 900 euro), maggiori saranno gli introiti per l’ateneo. Se si guardano i dati emersi dalla Responsabile dell’Area Didattica 1, quello che si configura è un guadagno di milioni di euro per le casse della d’Annunzio.
Stando ai numeri, gli immatricolati che non hanno richiesto l’ISEE entro 31/12/2018 sono 1594; considerando che per gli immatricolati l’importo della fascia contributiva più alta è pari a 525 euro, l’ateneo ricaverebbe circa 1,5 milioni euro.
Stesso discorso anche per gli iscritti agli anni successivi. Qui il dato è più considerevole: 5952 è il numero di chi non ha richiesto l’indicatore della situazione economica familiare; numero che, moltiplicato per le rette della fascia contributiva più alta (ovvero 525 euro), rivelerebbe un introito di circa 6 milioni di euro.

Quasi 7.000 studenti non hanno voluto usufruire della riduzione in base alla situazione economica patrimoniale rappresentando un dato eclatante al quale è difficile dare una spiegazione.
Andrebbe chiesto agli studenti il perché della mancata richiesta dell’ISEE entro il termine stabilito.
Dimenticanza? Sbadataggine? Negligenza? Inosservanza volontaria o difficoltà nel leggere e capire il Manifesto degli Studi?

(Oppure un’inconscia quanto inspiegabile voglia di incrementare le entrate economiche della d’Annunzio?)

Romboweb Abruzzo giornale studentesco universitario

Claudio Tucci

 

 

 

 

 

 

 

 


Condividi

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *