0

Il prof anti-sardine che vuole bocciare gli studenti che manifestano

Condividi

Il caso del prof anti-sardine: “Se becco uno dei miei studenti a manifestare gli renderò la vita un inferno”; poi, le scuse: “Non lo avrei mai fatto”

Il post Facebook del Prof anti-sardine

Ad 83 anni Umberto Eco – uno dei tanti “professoroni di sinistra” – definiva i social media come strumenti che danno diritto di parola a milioni di imbecilli e ne è la dimostrazione il post scritto e pubblicato pochi giorni fa su Facebook dal professor Giancarlo Talamini Bisi.

Continuate pure la lettura senza tentare di scovare il suo profilo: da uomo d’onore qual è, ha proceduto repentinamente ad eliminarlo, ma alcuni studenti hanno preventivamente provveduto a salvare quelle parole, direttamente rivolte contro di loro: “Se becco uno dei miei studenti a manifestare gli renderò la vita un inferno“. Il riferimento è all’evento organizzato in Emilia Romagna dalle “Sardine“, – gruppo di studenti, lavoratori e pensionati – che ha iniziato, in maniera sobria e pacifica, a palesare il proprio dissenso verso la politica populista della destra odierna, ritenuta menzognera, ipocrita, violenta e pericolosa per la democrazia. Il professore non si ferma a questa minaccia, ma la giustifica, dicendo che a lui “la retorica nazionalista e fascistoide di Salvini, Meloni e pure CasaPound piace”; quali sono dunque i cattivi maestri? Dov’è il diktat del pensiero unico, che alcuni giornalisti attribuiscono – con evidente strabismo – alla corrente delle Sardine?

A questi inguaribili sognatori piacerebbe, – pensate un po’ che bizzarria – che ci fosse un Politico, “con la P maiuscola“, capace di porre gli interessi dello Stato prima dei suoi.

Questo banco di persone, che giorno dopo giorno diventa sempre più corposo, ha il semplice scopo di attirare su di sé l’attenzione della popolazione tutta, affinché si svegli e smetta di credere a certa propaganda spalmata quotidianamente sui vari social e programmi televisivi ed è naturale che il bersaglio principale di quest’onda travolgente sia Matteo Salvini, l’amato Capitano del professor Giancarlo Talamini Bisi, come ricorda la sua immagine di copertina di Facebook; chissà se l’ex ministro degli Interni lo difenderà pubblicamente marciando dietro i suoi “Gattini”.

E mentre il Ministro Fioramonti minaccia “l’immediata sospensione”, il prof ha dovuto subito moderare le sue parole chiedendo scusa: «Mi scuso pubblicamente con tutti gli studenti, genitori, colleghi e dirigenti. Non era certo nelle mie intenzioni mettere in difficoltà attraverso il mio scritto. Chi mi ha conosciuto sa che non sarei mai e poi mai in grado di compiere azioni del genere»

In ogni caso, grazie Sardine, a causa del marasma che avete scatenato, il mare è tornato ad essere profondo, come cantava Lucio Dalla, poeta della Bologna da cui siete partiti e che, si spera, venga emulata in tutta la penisola.

Redazione Romboweb Giornale studentesco universitario
Desirée De Palma


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *