0

Erasmus+ e inclusione sociale: stanziati 28 miliardi di euro

Condividi

Il 25 maggio la Commissione europea ha pubblicato il nuovo programma di lavoro dell’Erasmus+ previsto dall’anno 2021 fino al 2027

erasmus

“Il fatto che il bilancio di Erasmus+ per i prossimi 7 anni sia quasi raddoppiato dimostra l’importanza attribuita all’istruzione, all’apprendimento lungo tutto l’arco della vita e ai giovani in Europa. Erasmus+ resta un programma unico per dimensioni, portata e riconoscimento globale, coinvolge 33 paesi ed è accessibile al resto del mondo attraverso le sue attività internazionali. Grazie a Erasmus+ realizzeremo lo spazio europeo dell’istruzione.” Le entusiaste parole di Mariya Gabriel, Commissaria per l’Innovazione, per la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani, introducono le novità del programma di sette anni dell’Erasmus+.

Il programma Erasmus+, rinnovato da pochi giorni, è stato approvato per i prossimi sette anni con grandi novità e un importante aumento di budget. Dai precedenti 14 miliardi di euro, i fondi riservati al progetto europeo saranno pari a 28 miliardi. Una cifra piuttosto grande che aiuterà gli studenti e gli organizzatori a dedicare la giusta importanza a tutti coloro che in passato, a causa di diverse impossibilità, avevano dovuto rinunciare alla partecipazione.
Più strumenti a favore dell’inclusione sociale, una maggiore attenzione nei confronti di tutti coloro che anche nutrendo interesse nei confronti di uno scambio culturale, senza aiuti non avrebbero la possibilità per partecipare. Erasmus+ decide anche di ampliare l’opportunità di un viaggio di studio ad un numero più ampio di partecipanti arrivando alla disponibilità di circa dieci milioni di beneficiari.

Gli elementi chiave del nuovo disegno progettuale, quindi, riguardano l’inclusione sociale, la sostenibilità, la transizione verso il digitale per la promozione e partecipazione alla vita democratica da parte delle generazioni più giovani.
Ne descrive le volontà la possibilità di ricevere sovvenzioni nel caso in cui si abbiano difficoltà iniziali nell’acquisto dei biglietti di viaggio o per l’affitto di un alloggio: un budget ampio, con la priorità data a sostenibilità ambientale e inclusione, incentiva la mobilità sostenibile e la partecipazione di persone con minori opportunità. Sarà possibile anche lo spostamento di interi gruppi classe sia con la mobilità del personale della scuola che quella degli alunni; continua ad essere presente lo spostamento degli studenti individuale; verranno stretti accordi anche su piccola scala, che grazie a regole semplici e permanenze di breve durata permetteranno anche agli istituti più piccoli di organizzarsi nella progettazione di un’esperienza europea.

Prevista la mobilità per docenti, a fronte di un programma di apprendimento individuale, per creare e consolidare una consapevolezza didattica che si allarghi sempre di più verso la condivisione e lo scambio di tradizioni e consapevolezze.

La priorità data a sostenibilità ambientale e inclusione si concretizza in budget aggiuntivo per incentivare la mobilità sostenibile e la partecipazione di persone con minori opportunità.

Redazione Romboweb – Michela Mazzaferro


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *