0

Chieti: Studenti al CIAPI. Il centro storico perderà 250 studenti del Liceo Artistico

Condividi

Trasferimento al CIAPI. Fatiscenza nelle scuole di Chieti: 250 studenti del “Nicola Da Guardiagrele” protestano

Ennesima perdita per il centro storico di Chieti: circa 250 giovani studenti del Liceo Artistico N. Da Guardiagrele saranno trasferiti allo scalo, presso le sedi del CIAPI, uno dei poli dell’università d’Annunzio. La decisione è stata presa a seguito alla perizia della Provincia, arrivata solo dopo la caduta di un calcinaccio, che ha certificato l’inagibilità della sede storica del Liceo.

La risposta del Collettivo Studentesco di Chieti

La Provincia, presieduta dal Dott. Mario Pupillo, non risponde. Le sollecitazioni da parte del Dirigente scolastico del Liceo, con il supporto del Collettivo Studentesco teatino, iniziano da gennaio 2017, periodo in cui la struttura manifesta i primi disagi: muffa sul pavimento e infiltrazioni dalle pareti a causa della neve.
La Provincia ha continuato a fare orecchio da mercante fino alla caduta di un calcinaccio durante l’orario di lezione, nell’ottobre scorso. Il Collettivo è di conseguenza sceso subito in piazza per condurre una manifestazione di protesta davanti gli uffici della Provincia; quest’ultima, fin troppo sollecitata, ha deciso di avviare una lunga perizia per certificare l‘inagibilità della scuola. Agli studenti viene chiesto di abbandonare l’edificio ad anno didattico in corso, mentre la Provincia è alla ricerca di una sistemazione alternativa.

La Regione concede il piano terra del CIAPI, il centro storico si svuota

La soluzione provvisoria proposta dalla Provincia, ovvero 10 aule al terzo piano del Seminario Pio XI in via Vernia e 3 nella sede dell’Istituto Beata Vergine del Carmine in via Ravizza, non è risultata consona alle necessità del Liceo. La mancanza degli spazi necessari per i laboratori, fulcro essenziale del lato produttivo dell’indirizzo artistico, penalizza il percorso didattico di circa 250 studenti. L’Ufficio scolastico ha preso di conseguenza la decisione di  rivolgersi alla Regione che ha risposto positivamente individuando nelle sedi del CIAPI (al piano terra) l’opzione più consona alle necessità di un Liceo Artistico. Da un sopralluogo attuato con i funzionari della Provincia e della Regione, è emerso il bisogno di intervenire con lavori di adeguamento dei locali del CIAPI per una spesa complessiva di 300.000 euro. Al momento sono stati stanziati 132.000 euro.

Sono queste le vicende che dovrebbero far ragionare sulla condizione di tutti gli studenti, non solo studenti universitari ma anche studenti liceali, risorsa per Chieti altrettanto preziosa sperando che tutte le richieste possano  trovare risposta concreta da parte degli enti preposti.

Romboweb Abruzzo– Claudio Tucci


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *